Attenzione! Per visualizzare al meglio il sito e usufruire di tutte le funzionalità messe a disposizione
si consiglia di aggiornare la versione in uso di Internet Explorer alla versione 8 o superiore. Grazie!

Inserisci il tuo NUMERO TESSERA e l'indirizzo e-mail già registrato per recuperare i tuoi dati anagrafici ed effettuare il passaggio al nuovo sito:



Abbiamo inviato una e-mail all'indirizzo che ci hai indicato. Accedi alla tua casella di posta e segui le istruzioni inserite nella e-mail per completare il passaggio.
27 febbraio 2018

Vivere il morire con umanità e solidarietà: p. Carlo Casalone, commenta il recente messaggio papale alla WMA

Dal sito della rivista si apprende che “La Civiltà Cattolica è la più antica di tutte le riviste italiane ancora attive”. È stata fondata a Napoli da un gruppo di gesuiti italiani e il primo numero è stato stampato il 6 aprile 1850. Scorrendo le annate de La Civiltà Cattolica, dato il suo carattere di rivista di attualità, si può avere un panorama abbastanza completo delle vicende religiose e politiche italiane (e in misura più limitata, mondiali) dal 1850 a oggi «dal punto di vista cattolico». Inoltre, la rivista ha accompagnato la storia d’Italia dal suo nascere a oggi.’

L’articolo di p. Carlo Casalone, noto bioeticista, analizza il Messaggio di papa Francesco alla Associazione medica mondiale (WMA), all’Associazione Medica tedesca e all’Accademia Pro Vita, sui temi del fine-vita., partendo dalle risonanze che tale intervento ha avuto sulle testate nazionali.  

Il testo precisa lo stile dialogico e sinodale in un contesto variegato, fatto da medici di differenti opinioni e appartenenze religiose. Nelle parti analizzate (nuove conoscenze e impatto sul morire, appropriatezza clinica e proporzionalità delle terapie, centralità della persona, giudizio della coscienza morale, significato dell’autonomia nella pratica medica, tra autodeterminazione e responsabilità, situazioni concrete e ‘prossimità responsabile, cure palliative, ‘disuguaglianza terapeutica ‘ e bene comune), p. Casalone fa notare in conclusione il pensiero di papa Francesco verso “la necessaria mediazione richiesta nelle società democratiche per giungere a posizioni condivise, anche sul piano normativo, per promuovere il bene comune”. 

Caterina de Nicola  (caterinadenicola54@gmail.com)

Per supporto ed assistenza:
Gisella Serù – Segreteria Operativa
Tel. + 39 02 29002975
E-mail: segreteria.operativa@sicp.it

PrivacyPrivacy Immagini
DisclaimerCookie Policy

Seguici su: facebook

Società Italiana di Cure Palliative
via I. Rosellini, 12, 20124 Milano
P.I. 07803800965 — C.F. 97072780154
© 2014-2018 Tutti i diritti riservati.

Realizzazione: TESISQUARE®