Regista: Thea Sharrock
Attori protagonisti: Emilia Clarke, Sam Claflin, Janet McTeer, Matthew Lewis
Anno: 2016
Genere: drammatico

Forse uno dei film più attesi dell’anno e, nonostante ciò, non ha deluso le aspettative. Semplicità e leggerezza, “che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore” – come direbbe Calvino. Un cast giovane e fresco che viene dalle serie TV di maggiore successo del momento e da saghe come Harry Potter entrate ormai nei cuori e nella storia del cinema.
Louisa “Lou” Clark vive in una tipica cittadina della campagna inglese. Ha 26 anni e passa da un lavoro all’altro per aiutare la sua famiglia. Il suo inattaccabile buonumore viene però messo a dura prova quando si ritrova ad affrontare una nuova sfida lavorativa. Trova infatti lavoro come assistente di Will Traynor, un giovane e ricco banchiere finito sulla sedia a rotelle per un incidente che ha cambiato radicalmente la sua vita in un attimo. Durante i 6 mesi di lavoro, Lou dimostrerà a Will che la sua vita poteva ancora essere degna di essere vissuta, e Will spingerà Lou ad “allargare i suoi orizzonti”.
Il forte legame che si crea tra i protagonisti della trama stravolge nuovamente le vite di entrambi in modo diverso, ma sincero in entrambi i casi.
Ciò che più mi ha colpito è, senza dubbio, la capacità geniale di trattare temi piuttosto complessi, dalle sfaccettature varie e relativi a dibattiti ancora aperti (come quello dell’eutanasia), con chiarezza e semplicità, mostrando punti di vista differenti e lasciando allo spettatore la possibilità di confrontarsi con essi e di avere una propria opinione in merito. È un film che apre la mente e, di conseguenza, apre al dialogo, senza pretendere di dare una visione unica e universale della vicenda.
Un film che spinge alla riflessione e che lascia un forte messaggio di speranza: la vita, tutta quanta, vale la pena di essere vissuta totalmente.

Clicca qui per vedere il trailer del film
Clicca qui per accedere alla scheda del film sul sito Internet Movie Data Base (IMBd).

Maddalena Bellei (comunicazione@sicp.it)

Iscriviti alla newsletter