Eduardo De Filippo nel 1963 dedica questa poesia alla moglie Isabella. Il dolore per la perdita di una persona cara che può essere superato dal ricordo, dall’eredità che lascia nelle piccole cose.

Daniela Martinelli (danimartin@libero.it)

Iscriviti alla newsletter

VAI