Recepimento dell’intesa tra il Governo, le Regioni e le Province e autonome di Trento e di Bolzano sulla proposta del Ministro della salute, di cui all’art. 5 della L. 15 marzo 2010, n. 38, di definizione dei requisiti minimi e delle modalità organizzative necessari per l’accreditamento delle strutture di assistenza ai malati in fase terminale e delle unità di cure palliative e della terapia del dolore. Rep. atti n. 151/CSR del 25 luglio 2012.

Con la deliberazione della Giunta regionale n. 1568 del 29 ottobre 12, che sancisce il recepimento dell’Intesa Stato-Regioni relativa all’articolo 5 della Legge n. 38/10 di definizione dei requisiti minimi e delle modalità organizzative necessarie per l’accreditamento delle strutture di assistenza ai malati terminali e delle unità di cure palliative, la Regione Emilia-Romagna pone le premesse per compiere un importante passo avanti nello sviluppo delle reti di cure palliative in armonia con l’impostazione nazionale del documento di Intesa. Un ulteriore recepimento regionale delle normative nazionali è sancito dalla circolare n. 16/2012 che adegua il preesistente flusso informativo hospice alle indicazioni del nuovo sistema informativo sanitario (NSIS). Le principali novità introdotte riguardano: la struttura di provenienza del ricovero, i soggetti proponenti il ricovero, i segni e i sintomi clinici all’ingresso.

La nuova scheda di dimissione hospice (SDHS) sarà attivata il 1 gennaio 2013.


ALLEGATI

Deliberazione della Giunta Regionale n. 1568 SCARICA

Iscriviti alla newsletter